Accesso

Documenti

Archivio di Stato

"Francesco Crispi"

Costruire lo Stato per dare forma alla
Nazione

Links

AssoEureka

VERDE NEGATIVO

Verde Negativo.

V- questo sconosciuto e potente colore dello spettro dell’aura è il responsabile della maggior parte delle cefalee notturne del nostro paese. Vediamo allora di capirci qualcosa di più. Il Verde Negativo fu scoperto quasi per caso dal fisico Bovis durante un viaggio nella piramide di Cheope trovando decine di corpi di uccelli gatti e topi morti, rimasti intrappolati nei corridoi e stranamente mummificati. La scoperta lo indusse a ricreare in patria una piramide in scala e a collocarci all'interno dei cadaveri di gatti trovati per strada. L’esperimento riuscì ma non riusciva a spiegarsi tale fenomeno attribuendolo a una qualche forma sconosciuta di energia cosmica. Fu De Belizal altro fisico e ricercatore francese con la passione della Radiestesia a spiegare la causa della mummificazione delle carcasse all'interno della piramide Egizia. Grazie a dei pendoli  particolari in grado di captare le radiazione dell’aura delle forme geometriche (campo energetico che circonda ogni forma, vivente e non) riuscì a isolare dodici  emissioni  energetiche nel perimetro di una sfera corrispondenti per vibrazione ai colori dello spettro visibile e invisibile così distribuiti sull'aura:

Verde Negativo V-             Verde Positivo     V+

Nero                  N            Blu                    Bu

Infrarosso          IR           Indaco              I

Rosso                R            Viola                 Vi

Arancio            O            Ultravioletto     UV

Giallo               J              Bianco              Bc

Approfondendo il suo lavoro battezzò queste emissioni di colore “Onde di Forma”. Scoprì  inoltre che il colore attraversando l’equatore della sfera rimaneva tale ma cambiava di polarità; da qui la dicitura Verde Negativo poiché non ne esiste un colore simile in natura e così tutti gli altri. La cosa è molto complicata ma si può così riassumere:

l’onda di forma cambia di polarità in base all'orientamento magnetico ecco perché è importante orientare il letto con la testa a nord; tutte le emissioni  che tendono verso il sud passando per l’est e l’ovest sono tendenzialmente dannose per l’organismo. A sud si avrà l’emissione di Verde Negativo pura che ha caratteristiche disseccanti mummificanti e di scarica dell’energia con conseguente spossatezza di chi si trova investito dal suo influsso. Chaumery Il collega di de Belizal morì  mummificato in seguito alle lunghe esposizioni agli strumenti realizzati per studiare il Verde Negativo. In seguito De Belizal e il nuovo collega Morel riuscirono grazie a degli strumenti più precisi e sicuri a trattare e portare a guarigione persone ammalate di tumore al fegato inviando  V-  a orario e per breve tempo.

Ogni colore ha la sua  carica negativa quindi a ogni colore naturale emesso dall'aura ne va considerato uno   con caratteristiche opposte. Il più dannoso in assoluto per in organismo vivente esposto alla sua influenza rimane senz'altro il Verde negativo emesso in gran quantità dalle geopatie, faglie, vene di acqua, giacimenti minerali, linee dell’alta tensione, nodi e incroci energetici. Un bel dilemma davvero. Per completare l’opera si ci è messa la moderna architettura con le gabbie abitative formate da sconsiderati intrecci di ferro e cemento che amplificano fortemente le Radiazioni Geopatiche. In questo senso si è mossa la moderna Radiestesia per cercare delle soluzioni idonee a preservare la salute anche in presenza di emissioni geopatogene impossibili da evitare. Sono nati così una miriade di equilibratori, compensatori, neutralizzatori di queste benedette Radiazioni Geopatiche e i loro risvolti negativi. 

 

 

 

GEOBIOLOGIA E GEOPATOLOGIE

GEOBIOLOGIA E GEOPATOLOGIA:

La Geobiologia è la scienza che studia l’influenza delle radiazioni elettromagnetiche e di quelle cosmiche e telluriche su tutto ciò che è vivente. Tale scienza utilizza, per le sue ricerche, metodiche che vanno dalla sensibilità umana, agli strumenti elettronici più sofisticati. La Geobiologia si può dire infatti che sia uno dei pochi studi ad utilizzare contemporaneamente l’approccio sensitivo, radiestesico e quello fisico e scientifico. La radiestesia può essere considerata la sintesi delle qualità che deve possedere un buon tecnico in Geobiologia e consiste in un metodo di ricerca sensitiva, fatta dall’antenna essere umano, con l’aiuto di un aggeggio sensibile che fa da prolungamento d’antenna e che può essere il pendolo, il biotensor, le bacchette a elle o altro ancora. 
Lo studio delle perturbazioni radianti, sia di genere elettromagnetico che cosmo-tellurico, in rapporto alla salute si chiama invece Geopatologia.
Alle radiazioni naturali si aggiungono quelle create dall’uomo o tecniche come il cemento armato tendono a dare interferenze negative per gli esseri viventi.

Nella Geobiologia esistono anche correnti energetiche positive, chiamate “ frequenze armoniche” che a seconda della loro intensità posso qualificare un ambiente più o meno bene.
Sono sei valori in ordine crescente di vibrazione che danno una cartina tornasole del benessere percepito nell’ambiente, esse sono misurabile con qualsiasi strumento radiestesico e in particolar modo con l’antenna di Lecher.

 

Frequenze armoniche (positive):

2.5 cellula
8.0 terra (yin – femminile )
12 cielo (yang – maschile )
15.3 sinergia elettromagnetica
17.6 sinergia globale ( luce)
1.1 sacro ( frequenze spirituali)

 Questi valori rappresentano degli step energetiche dove all’innalzarsi delle frequenza si ha un ambiente sempre più sano vivibile e rigenerante.

Un ambiente con i primi 3 valori non del tutto presenti è un ambiente nel quale alla lunga si possono avere dei problemi. Dove è preferibile non dormire.
Un ambiente sano e energeticamente valido deve raggiungere la frequenza del 17.6 almeno all’ 80%  in casa o ufficio che sia.

La terra è il polo negativo ed il cosmo quello positivo. Attraverso i fulmini la terra si ricarica continuamente e mantiene la propria potenzialità che altrimenti si scaricherebbe facilmente. 
In mezzo a queste radiazioni gli organismi viventi sono sensibili ai campi elettromagnetici e ad onde più o meno nocive che interferiscono con lo stesso funzionamento organico.
I tipi di radiazioni che alterano l’omogeneità del campo magnetico terrestre sono :

1) i campi reticolari e cioè :

 

a) il reticolo di Hartmann, dal nome del ricercatore tedesco che l’ha scoperto, è costituito da strisce energetiche, che attraversano la terra in direzione Nord-Sud, parallele le une alle altre, di larghezza pari a circa 20-21 cm. e distanti fra loro circa 2.5 m. e da altre che l’attraversano in direzione Est-Ovest di identica larghezza, ma distanti fra loro circa 2 m.. I punti di incrocio di tali strisce si chiamano nodi di Hartmann, ma non tutti tali incroci hanno le caratteristiche della grande pericolosità. In entrambe le direzioni, infatti troviamo un vero e proprio nodo geopatico intervallato da 6 perturbazioni energetiche leggere. 
Queste strisce sono molto conduttive per ciò che concerne sia le radiazioni naturali che quelle tecniche.

L'ing.AVANZATO SALVATORE(tel.no 339 76.26.301) Ingegnere geobiologo Sorridentesia in presenza che radionicamente a distanza(Planimetrie e foto) individua tali nodi con uso di bacchette, pendoli, biotensor, antenna di Lecher e strumentazione elettronica.

b) Il reticolo di Curry, dal nome del ricercatore austriaco che l’ha scoperto, è anch’esso costituito da fasce energetiche di dimensione incerta, lontane fra loro circa 3.5 m., che vanno in direzione nord-est/sud-ovest e sud-est/nord-ovest. I nodi di Curry sono costituiti anche qui da punti di incrocio, ma, anche in questo caso, non tutti gli incroci sono punti geopatici. Esattamente in direzione nord-est/sud-ovest queste fasce energetiche possono essere costituite da punti tutti pericolosi o da punti tutti leggeri. Per contro la stessa situazione vista nella direzione nord-ovest/sud-est vede tutte le linee aventi alternativamente punti leggeri e nodi geopatici. 
Anche questa rete è individuabile anche a distanza,

2) Da quanto appena visto deriva una situazione di perturbazioni energetiche più o meno gravi e di cui occorrerebbe naturalmente essere a conoscenza quando si pone il letto in una stanza o comunque nella scelta di quei luoghi dove soggiornare durante il periodo di veglia. A tutti i punti perturbati, ovviamente del tutto ipotetica, vanno aggiunti quelli derivanti da perturbazioni varie provocati dal terreno, che vanno sotto il nome di raggi tellurici e che sono ricchi di radiazioni ionizzanti che, a loro volta, sono agenti patogeni, come già conosciuto dalla scienza da molti anni. Tali perturbazioni possono essere così raccolte :
a) correnti d’acqua sotterranee che determinano attrito ed elettricità misurabile sotto forma di campo elettromagnetico.
b) crepe o faglie geologiche determinate dalla disomogeneità degli strati della terra e che provocano radiazioni concentrate ed emissione amplificata di raggi gamma e neutroni.
c) giacimenti di minerali nel sottosuolo soprattutto di carbone, petrolio, gas, minerali e sali che modificano il campo radioattivo terrestre.

Uno strumento idoneo per il rilievo è il Pendolo Universale di Belizar PU6 e il PENDOLO A CONO FITTIZIO che vengono utilizzati assieme a strumentazione elettronica dall'Ing.AVANZATO SALVATORE.

Infatti nell’analisi geobiologica bisogna considerare oltre la varie reti (hartamann, curry, ecc) anche altri fattori che possono interferire e peggiorare la qualità abitative. Nel complesso anche queste le possiamo raggruppare in un insieme chiamato geopatologie.

SIA I NODI HARTMANN E CURRY SONO ELIMINATI A DISTANZA O IN PRESENZA DALL'ING.AVANZATO SALVATORE. 

UNA SITUAZIONE SINGOLARE VERIFICATA DALL'ING.AVANZATO SALVATORE E' CHE ALL'INTERNO DELLE CHIESE E TEMPI CONSACRATI,

NON SONO PRESENTI NODI HARTMANN E CURRY MENTRE SI RISCONTRANO FALDE SOTTERRANEE E FAGLIE SPESSO NOCIVE

 Alcune Geopatolgie(negative) INDIVIDUAZIONE CON ANTENNA LECHER:

3.5 gas radon
3.95 magnetismo statico
5.0 acqua
6.9 rete di curry
7.6 grande rete ortogonale
8.6 faglia sismica
12.2 rete hartmann

 3) progettazione:

Un edificio fatto in cemento armato con pilastri, travi cm e solai anch’essi in cemento armato condiziona decisamente il benessere interno oltre al fatto che crea Gabbia di Faraday e non permette al magnetismo terrestre(azione benefica sulle cellule umane) di entrare all'interno dei luoghi di lavoro e di vita.

Nei rilievi effettuati l’intensità delle frequenze armoniche non risulta ottimale, già con dei problemi nelle frequenze più basse come cellula 2.5, terra 8 e cielo 12. 
Dall’analisi(in presenza o a distanza) si costruisce una mappa delle geopatie degli incroci delle varie reti e dei relativi nodi. 

 

 

0 0 1 228 1306 10 3 1531 14.0

 

Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE

 

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

 

 

Tutte le frequenze della vita:

174hz – Fondamenta, effetti spirituali individuali

285hz – Cognizione quantica
396hz – Liberi dal senso di colpa, ansia e paura
417hz – Cambiamento, lasciare andare il passato
528hz – Riparazione e armonizzazione DNA
639hz – Apertuta e connessione nei rapporti umani
741hz – Stimolare il risveglio interiore
852hz – Ritorno all’ordine spirituale
963hz – Effetti spirituali individuali

 

696hz – Normalizzare la funzione cardiaca
751hz – Normalizzare la funzione epatica
763hz – Normalizzare la funzione della tiroide
835hz – Normalizzare il sistema immunitario
1335hz – Normalizzare la ghiandola surrenale
1537hz – Normalizzare il sistema endocrino

 

480hz – Corretto funzionamento della ghiandola pineale
635hz – Corretto funzionamento del colon
637hz – Rinforzo dell’integrità e delle funzione dell’RNA
1444hz – Produzione fisiologica di testosterone maschile
1445hz – Produzione fisiologica di testosterone femminile
1725hz – Stimolazione della ghiandola pituitaria G.H

 

35hz – Mente chiara
764hz – Normalizzare il sistema nervoso
1565hz – Bilanciamento Mente-Spirito

 

 Chakras:

 

Base Della Spina Dorsale, Rosso Tramonto – 256 Hz
Osso Sacro, Arancione – 288 Hz
Plesso Solare, Giallo – 320 Hz
Cuore, Verde – 341.3 Hz
Gola, Blu – 384 Hz
Terzo Occhio, Indaco – 426.7 Hz
Corona, Viola – 480 Hz

 

 

ZONE DISTURBO

ZONE DI DISTURBO DI ORIGINE NATURALE DI CUI È COMPROVATA L’ESISTENZA in ordine di pericolosità (dalla più nociva alla meno nociva)

 

Zone sulla verticale dei seguenti fenomeni di origine geologica/idrogeologica e di origine non conosciuta (elettromagnetismo naturale):

faglia trascorrente (scorrimento laterale, crea informazione di torsione e compressione con forte emissione di radiazioni a largo spettro comprendenti UV e raggi X)

faglia inversa (sovrascorrimento o subduzione, crea informazione di compressione con forte emissione di radiazioni a largo spettro comprendenti UV e raggi X)

linea di faglia diretta (punto di allontanamento delle masse rocciose, crea informazione di lacerazione e più lontano di distensione con forte emissione di radiazioni a largo spettro comprendenti infrarossi, UV e raggi X)

dislocazione locale delle masse rocciose (fratture della roccia con movimento verticale di una delle due parti o di entrambe, creano informazione di compressione e forte emissione di radiazioni)

scorrimento di acqua sotterranea confinata nella roccia o in paleoalveo (il movimento di rotazione delle molecole di acqua creato dallo scontro con i materiali e con i bordi crea un campo magnetico a bassissima intensità verticalizzato, paragonabile a quello emesso da un cavo dell’alta tensione interrato)

punto di massima intensità (incrocio) del reticolo energetico parallelo al Nord detto di Hartmann

punto di massima intensità (incrocio) del reticolo energetico diagonale al Nord detto di Curry

emissione spiraliforme sinistrogira (sezione a cerchi concentrici, crea informazione di rotazione sinistra e   sprofondamento)

emissione spiraliforme con due o più corone alcune sinistrogire e alcune destrogire (sezione a cerchi concentrici, crea informazione di rotazione sinistra e sprofondamento in un’area e di rotazione destra con innalzamento in un’altra area, tipicamente ha una direzione nel centro e quella contraria nella corona)

emissione spiraliforme bidirezionale (sezione a cerchi concentrici, crea informazione di rotazione sinistra con sprofondamento e poi destra con innalzamento, il tempo di inversione della rotazione è di alcuni secondi)

“caminella” dovuta ad anomalie geologiche verticali (si presenta come la sezione di una canna fumaria tonda)

vene minerarie di magnetite o ferrite, giacimenti di carbone

vuoti naturali confinati (grotte chiuse per crolli, senza ricambio di aria).

campo spiraliforme destrogiro (sezione a cerchi concentrici, crea informazione di rotazione destrogira e     innalzamento, dà benessere per un periodo di esposizione breve, ma non si può dormire in sua corrispondenza per l’eccesso di cessione energetica)

vuoti, grotte non confinate con acqua in scorrimento (con ricambio di aria e con scorrimenti d’acqua non in pressione più o meno cospicui)

resti umani (non fossilizzati, causano malessere fisico e psichico fino a vere e proprie patologie)

Zone di disturbo di origine naturale non patogene:

con la permanenza in loro corrispondenza soprattutto nel periodo del sonno si ha un disturbo percepito come più o meno fastidioso a seconda della persona, che potrebbe limitare il benessere.

Zone sulla verticale dei seguenti fenomeni di origine geologica/idrogeologica e di origine non conosciuta (elettromagnetismo naturale):

 

“parete” del reticolo energetico parallelo al Nord detto di Hartmann (i reticoli sono formati da “pareti” di energia che si dispongono con il nord magnetico e si incrociano perpendicolarmente formando i punti di massima intensità, o “incroci”, per il momento le “pareti” del reticolo di Hartmann sono state trovate tra 700 metri di profondità e 5000 metri di altitudine, non se ne conosce però l’origine)

vuoti, grotte non confinate (con ricambio di aria e senza scorrimenti d’acqua)

“parete” del reticolo energetico diagonale al Nord detto di Curry

substrato con torbe (residui organici in decomposizione: moltissima assorbanza e informazioni di morte e decomposizione)

resti animali (non fossili)

fratturazione della roccia senza dislocazione (le masse rocciose sono solo fratturate senza traslazione)

discontinuità tra i materiali del substrato (si creano gradienti elettrici tra materiali a diversa conducibilità, es. sabbie quarzifere che confinano con limo argilloso dovuto a differenti depositi fluviali)

substrato a ex palude o stagno (residui organici e melma: molta assorbanza e informazioni di decomposizione)

substrato con molte falde confinate (più strati acquiferi diffusi confinati e cospicui, molta assorbanza)

“incrocio” del reticolo energetico parallelo al Nord detto “Kleine” (“piccolo”, con maglia di cm 50/55 x 50/55)

variazioni del Nord magnetico naturale maggiori di 4° rispetto alla direzione media nel resto del territorio (oltre i 90° provocano nervosismo e disturbi del sonno).

 

ZONE DI DISTURBO DI ORIGINE ARTIFICIALE

in ordine di pericolosità (dalla più nociva alla meno nociva)

Zone di disturbo di origine tecnologica patogene:

entro 150 metri per lato dalla proiezione a terra del cavo dell’alta tensione a 380 000 Volt

entro 100 metri per lato dalla proiezione a terra del cavo dell’alta tensione a 220/230 000 Volt

entro 50 metri per lato dalla proiezione a terra del cavo dell’alta tensione a 132 000 Volt

entro 10 metri per lato da un cavo di alta tensione messo sotto marciapiede (interrato di pochi centimetri)

entro 10 metri di raggio da cavi a 20 000 o 10 000 Volt

entro 4-5 metri di raggio da cavi a 380 Volt (servitù condominiali, cavi di ascensori, ecc.)

in tutte le zone dove l’intensità del campo magnetico tecnico a 50 Hz supera 0,05 MicroTesla (misurando con strumentazione isotropica calibrata)

entro 500 metri da un’emittente televisiva nel cono principale di irradiazione

entro 300 metri di raggio da un’emittente radiofonica in modulazione di frequenza (FM)

entro 150 metri di raggio da una torre di ripetitori radiobase extraurbani (torri a traliccio alte, con parecchi ripetitori in tutte le direzioni)

entro 30 metri di raggio da un ripetitore radiobase urbano (tipicamente con un solo ripetitore posto su un tetto)

in tutte le zone dove l’intensità del campo elettromagnetico tecnico dovuto ad antenne emittenti di teletrasmissione supera 0,20 Volt/metro o, se dovuto a emissioni “wi-fi”, supera i  5,00 microWatt/metro quadrato (misurando con strumentazione isotropica calibrata)

sulla verticale di canali e fiumi intubati, o di grossi tubi, con molta acqua in scorrimento veloce (la nocività massima è ai bordi dove le molecole d’acqua acquistano moto vorticoso)

sulla verticale di vuoti artificiali confinati adibiti a sepoltura (informazioni di morte)

sulla verticale di vuoti artificiali confinati e senza aerazione (vani interrati dimenticati, vespai chiusi)

sulla verticale di vuoti artificiali non confinati (gallerie di vecchie miniere, gallerie per altri usi, con ricambio d’aria)

aree precedentemente utilizzate come discarica (informazioni di decomposizione, inquinamento chimico)

sulla verticale di canali fognari (provocano senso di nausea e disturbi generalizzati)

abitazioni o loro parti dove l’emissione radioattiva totale superi 0,03 milliRoentgen/ora.